Meristema

Iside Calcagnile

04.12.2021 – 16.01.2022

Via S. Alberto 19, Ravenna

 

La mostra Meristema che sarà ospitata negli spazi di Innesto Spazi di Ricerca dal 4 dicembre 2021 al 16 gennaio 2022 presenta i lavori di Iside Calcagnile. La personale esibisce tre opere dell’artista: un’installazione site specific, che ha dato il nome alla mostra stessa, un’installazione vegetale e una serie di pitture.

 

La ricerca di Iside Calcagnile indaga la relazione nei suoi processi di associazione e dissociazione, unione e scomposizione e lo fa attraverso la pittura, e i resti organici. Il suo approccio di tipo ecologico alla conoscenza è derivato da letture sociologiche, antropologiche e biologiche di Gregory Bateson, Gillés Délèuze, Stefano Mancuso che influenzano ampiamente il suo agire artistico e la sua ricerca formale. Il meristema in botanica è il tessuto costituito da cellule indifferenziate da cui poi si originano i tessuti definitivi. Il meristema inizialmente non ha specificità poi, a seconda del segnale che riceve, può trasformarsi in una radice,  in un fusto,  in una foglia. Il meristema è capace di produrre dall’indifferenziato il differenziato. Per Calcagnile la pittura attinge dallo stesso processo naturale: l’indefinito, l’informe assume via via una connotazione e dipingere diventa un atto di oscillazione continuo tra indifferenziato e differenziato. 

 

Nelle opere presentate in occasione della mostra Meristema natura e pittura comunicano sia sul piano teorico che su quello visivo. Calcagnile confronta i processi di creazione e di crescita paragonando la tela al vegetale, l’attitudine di entrambi allo stare in una continua e totale esposizione. Sul piano pratico associa alla pittura diversi materiali organici, portatori impliciti di una storia che, una volta installati, subiscono un processo di risignificazione.  “Ciò che mi interessa è il -cosa può?- del materiale stesso” ci racconta l’artista che nella sua pratica combina materie organiche provando molteplici possibilità, utilizzi e soffermandosi sul loro potenziale una volta che un singolo corpo vegetale viene associato ad un altro. La casualità di un incontro lascia ai singoli elementi la possibilità di godere delle caratteristiche di quelli limitrofi appropriandosene o sovvertendole.

Articoli correlati

Tra arte e biologia: opere di Iside Calcagnile da Innesto Spazi di Ricerca, Redazione, Exhibart, 9 dicembre 2021

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *